Descrizione Progetto

Quanta vita ancora lungo le ferrovie dimenticate 2020

Domenica 1 marzo apre la festa dei treni d’epoca che ritornano sulle tratte, è la festa di coloro che vanno a piedi e in bici o a cavallo sulle tratte che non hanno purtroppo più i binari e sono in preda alla vegetazione e all’oblio. È una giornata nata, come scriveva il nostro past president Albano Marcarini, per ricordarci che esistono ancora le ferrovie. Strano, no? C’è bisogno di ricordarsene. Perché ce ne stiamo dimenticando. Buffo un Paese che si dimentica delle cose che ha.

La Giornata delle Ferrovie Dimenticate, col tempo, avrebbe dovuto perdere di importanza perché si sarebbe finalmente capito che lasciare allo sbando un patrimonio così cospicuo, e capillare, e unico, e prezioso sarebbe stata una vera follia.
Si pensava che dalla giornata della memoria ferroviaria si sarebbe infine passati alla giornata del grande ritorno del treno. Quasi ci siamo oggi nel 2020, dopo 13 anni di battaglie, ma ancora molto c’è da fare: ancora tratte chiuse aspettano di riavere l’esercizio ordinario, ancora tratte in degrado che è purtroppo impossibile riarmare per il ritorno del treno devono essere valorizzate e recuperate a vie verdi.

Auguro a tutti i partecipanti e simpatizzanti di Co.Mo.Do. da tutte le regioni d’Italia, di vivere una bella domenica dove il treno che prenderete scivolerà con quel mormorio indimenticabile, dove ogni carrozza sarà un salotto in cui si parlerà sottovoce in amicizia e allegria. Una domenica, questa del 1 marzo, che va ad inaugurare anche il nostro consueto Mese della Mobilità Dolce: contrariamente a quello che succede quando siamo dentro l’auto, il paesaggio si darà a vedere e non ad essere, e sia in bici che a piedi ci saremo seduti dentro. E sarà bellissimo.

Fateci conoscere i vostri tour e progetti su rotte, cammini e ciclovie, i vostri ideali viaggi per creare una rete di mobilità dolce. La Co.Mo.Do., con il partner SIMTUR (Società Italiana Professionisti Mobilità Dolce e Turismo Sostenibile) e l’organizzazione capillare nel sud Italia di DMO Mediterranean Pearls per lo slow travel, rimane in ascolto per coagulare le forze sane e le menti giovani che vogliono la mobilità pulita e dolce in città, borghi e dentro il paesaggio. Rimaniamo in contatto con la mail segretariogenerale@mobilitadolce.org

Ufficio stampa: Walter Cardinale – Presidente Co.Mo.Do. Cooperazione Mobilità Dolce

Copyright photo: Mario Dessì

Bioviaggi pubblica gratuitamente articoli, recensioni, comunicati stampa.
Lo staff di Bioviaggi provvede ad approvare il testo inviato e a pubblicarlo.
L’impegno di Bioviaggi è completamente a titolo gratuito.

Ultime destinazioni inserite